ITMI20121299A1 - Apparato per acquisire una pluralita' di immagini superficiali di almeno un corpo e relativo metodo - Google Patents

Apparato per acquisire una pluralita' di immagini superficiali di almeno un corpo e relativo metodo Download PDF

Info

Publication number
ITMI20121299A1
ITMI20121299A1 IT001299A ITMI20121299A ITMI20121299A1 IT MI20121299 A1 ITMI20121299 A1 IT MI20121299A1 IT 001299 A IT001299 A IT 001299A IT MI20121299 A ITMI20121299 A IT MI20121299A IT MI20121299 A1 ITMI20121299 A1 IT MI20121299A1
Authority
IT
Italy
Prior art keywords
disk
rotation
images
lighting chamber
acquisition means
Prior art date
Application number
IT001299A
Other languages
English (en)
Inventor
Francesco Bianconi
Alvarez Antonio Fernandez
Rodriguez Elena Gonzalez
Stefano Antonio Saetta
Original Assignee
Mondial Marmi S R L
Priority date (The priority date is an assumption and is not a legal conclusion. Google has not performed a legal analysis and makes no representation as to the accuracy of the date listed.)
Filing date
Publication date
Application filed by Mondial Marmi S R L filed Critical Mondial Marmi S R L
Priority to IT001299A priority Critical patent/ITMI20121299A1/it
Publication of ITMI20121299A1 publication Critical patent/ITMI20121299A1/it

Links

Classifications

    • GPHYSICS
    • G01MEASURING; TESTING
    • G01NINVESTIGATING OR ANALYSING MATERIALS BY DETERMINING THEIR CHEMICAL OR PHYSICAL PROPERTIES
    • G01N33/00Investigating or analysing materials by specific methods not covered by groups G01N1/00 - G01N31/00
    • GPHYSICS
    • G01MEASURING; TESTING
    • G01NINVESTIGATING OR ANALYSING MATERIALS BY DETERMINING THEIR CHEMICAL OR PHYSICAL PROPERTIES
    • G01N21/00Investigating or analysing materials by the use of optical means, i.e. using sub-millimetre waves, infrared, visible or ultraviolet light
    • G01N21/17Systems in which incident light is modified in accordance with the properties of the material investigated
    • G01N21/47Scattering, i.e. diffuse reflection
    • GPHYSICS
    • G01MEASURING; TESTING
    • G01NINVESTIGATING OR ANALYSING MATERIALS BY DETERMINING THEIR CHEMICAL OR PHYSICAL PROPERTIES
    • G01N21/00Investigating or analysing materials by the use of optical means, i.e. using sub-millimetre waves, infrared, visible or ultraviolet light
    • G01N21/84Systems specially adapted for particular applications
    • G01N21/88Investigating the presence of flaws or contamination
    • G01N21/8806Specially adapted optical and illumination features

Description

DESCRIZIONE
La presente invenzione concerne un apparato per acquisire una pluralità di immagini superficiali di almeno un corpo e relativo metodo.
In particolare, l’invenzione à ̈ specialmente applicabile nel settore dei pavimenti, o dei rivestimenti in genere, e concerne un apparato che consente di estrapolare informazioni visive, ovvero relative a caratteristiche superficiali di un dato corpo quali, ad esempio, colore, forma e/o trama (o “texture†) o altre simili, e di elaborarle per effettuare la classificazione dei corpi esaminati e/o per individuare corpi aventi caratteristiche superficiali simili a quelle del corpo analizzato dall’apparato in questione. Da qui in avanti, per corpo si intenderà, in particolare, un elemento di rivestimento per pavimenti quale, ad esempio, una mattonella in ceramica, granito o altro materiale, un listello di parquet o altro simile, tuttavia, va precisato che l’apparato ed il relativo metodo oggetto della presente invenzione sono anche impiegabili per acquisire immagini superficiali di qualsiasi corpo purché dotato di peculiari caratteristiche visive superficiali. Pertanto, un corpo adatto ad essere analizzato dall’apparato oggetto della presente invenzione potrebbe essere fatto in qualsiasi materiale, ad esempio, in carta, o in pelle, oppure potrebbe anche essere di origine naturale, ad esempio, una foglia, dei semi, dei grani, reperti fossili, minerali, oppure essere un manufatto quale, ad esempio, un monile, un prodotto artigianale in ceramica o altro ancora.
Nel settore dei rivestimenti, in particolare, come pure in tutti i settori in cui si reputi necessario acquisire l’immagine superficiale di un corpo, à ̈ nota la problematica riguardante l’individuazione di corpi visivamente simili ad altri. Ciò à ̈ particolarmente utile nel caso in cui si debba individuare tra tutti gli elementi di rivestimento prodotti da una data azienda quello che più si avvicina ad un elemento di rivestimento campione che, ad esempio, à ̈ prelevato da un pavimento o da una parete da ristrutturare. In tali casi, per garantire una certa continuità delle caratteristiche visive del pavimento originario, à ̈ necessario affidarsi all’esperienza del venditore di elementi di rivestimento, individuando, assieme a questi, tra tutti i prodotti a catalogo quello che più si avvicina a quello campione. Va detto che, anche lo stesso venditore, anche qualora avesse nel proprio catalogo un elemento di rivestimento simile, o addirittura identico a quello campione, potrebbe avere delle difficoltà ad individuarlo rapidamente. Infatti, la foto presente a catalogo potrebbe non riprodurre esattamente il colore reale dell’elemento di rivestimento realmente prodotto o rendere ben riconoscibile la sua texture.
Al fine di risolvere tale problematica sono noti apparati di acquisizione delle immagini che comprendono mezzi ottici per l’acquisizione delle immagini quali, ad esempio, una fotocamera digitale, ed una camera di illuminazione a forma di cupola, dotata di una base inferiore per sostenere solidalmente in appoggio detto corpo entro detta camera di illuminazione e di una porzione forata superiore per alloggiare l’obiettivo della fotocamera digitale. La camera di illuminazione, in maniera nota, à ̈ dotata di un sistema di illuminazione posto in corrispondenza della propria base inferiore e tale da generare una illuminazione diffusa ed uniforme all’interno della stessa camera a cupola. Inoltre, i mezzi di acquisizione comprendono, di norma, una telecamera digitale posta superiormente alla superficie dell’elemento di rivestimento di cui si vuole acquisire l’immagine, con asse focale ortogonale al piano su cui giace detto elemento di rivestimento. Tale soluzione permette così di avere una immagine superficiale non distorta, perfettamente a fuoco e che non risente di particolari riflessi dovuti alla luce presente.
Apparati simili sono descritti in EP 1 637 868 A1, a nome Nippon Light Metal company Ltd et al., in cui viene insegnato a realizzare un apparato per l’individuazione di impurità all’interno di specifici materiali da esaminare. Tale apparato utilizza una camera di illuminazione a cupola e mezzi di acquisizione dell’immagine posti superiormente a detta camera. Il metodo di elaborazione sfrutta un algoritmo del tipo a segmentazione, in cui vengono individuate all’interno dell’immagine acquisita una o più zone di caratteristiche diverse. Ancora, anche il documento JP8334469 (A), a nome LION ENG KK, descrive un apparato per l’individuazione di prodotti confezionati che passano su un nastro trasportatore. Anche qui la camera di illuminazione à ̈ a forma di cupola. Altri documento in cui à ̈ descritto un apparato simile a quello descritto nei succitati documenti si possono trovare in JP2009115613 ed US5777244.
Tali apparati permettono di acquisire l’immagine di corpi, o elementi di rivestimento, o altro ancora, ed eventualmente di classificarli secondo il colore, la forma e la trama (o texture). In questo modo, quando si esamina un corpo, o elemento di rivestimento campione mediante il suddetto apparato, l’unità di elaborazione collegata all’apparato confronta l’immagine acquisita dell’elemento di rivestimento campione con quelli presenti in un database di immagini di elementi di rivestimento e preventivamente acquisiti. Successivamente, l’unità di elaborazione, in base ad un particolare algoritmo adottato, individua il corpo, o l’elemento di rivestimento che più si avvicina a quello campione.
Tali apparati non sono però scevri di inconvenienti. I ricercatori hanno infatti sperimentato che la classificazione e/o la ricerca di un corpo simile ad uno campione effettuata con tali apparati e che, di norma, secondo letteratura, viene affrontata secondo due strategie alternative, o attraverso l’utilizzo di algoritmi di elaborazione dell’immagine insensibili a rotazione, oppure attraverso il cosiddetto approccio †̃brute force’, in cui i corpi da comparare sono analizzati utilizzando un insieme di immagini ruotate degli stessi, risente notevolmente dell’angolo di cui à ̈ ruotato l’elemento di rivestimento rispetto all’obiettivo dei mezzi di acquisizione dell’immagine. Pertanto, à ̈ possibile che uno stesso elemento di rivestimento sottoposto ad acquisizione da uno stesso apparato, ma sotto due angoli di rotazioni distinti, possa essere classificato diversamente. Peraltro, à ̈ dimostrato che tali problemi non sono risolvibili neanche mediante la generazione di immagini ruotate di uno stesso corpo via software, in quanto ciò conduce ad un’alterazione della microstruttura delle immagini, con conseguente perdita delle informazioni di partenza ed inevitabili errori nella classificazione di corpi ruotati.
È pertanto scopo della presente invenzione quello di realizzare un apparato ed un metodo che risolvano i problemi di arte nota sopra descritti e che, dunque, permettano in maniera semplice e rapida di classificare un elemento di rivestimento e/o di, eventualmente, determinarne uno già classificato, partendo da un corpo campione da acquisire, senza però risentire del particolare angolo di cui à ̈ ruotato l’oggetto rispetto ai mezzi di acquisizione.
Ancora, scopo della presente invenzione à ̈ quello di realizzare un apparato che sia strutturalmente semplice ed affidabile.
Questi ed altri scopi sono raggiunti dall'invenzione, che concerne un apparato per acquisire una pluralità di immagini superficiali di almeno un corpo, comprendente mezzi ottici per l’acquisizione di detta pluralità di immagini superficiali di detto almeno un corpo ed una camera di illuminazione a forma di cupola, dotata di almeno una base inferiore per sostenere solidalmente in appoggio detto almeno un corpo entro detta camera di illuminazione e di una apertura superiore per alloggiare, almeno in parte, detti mezzi di acquisizione di detta pluralità di immagini, caratterizzato dal fatto di comprendere mezzi per ruotare attorno ad un asse di rotazione, ed in maniera controllata, detti mezzi di acquisizione rispetto a detta camera di illuminazione.
In pratica, à ̈ resa possibile la rotazione tra i mezzi di acquisizione, vale a dire una fotocamera digitale e/o analogica oppure una telecamera digitale industriale, e la camera di illuminazione, dunque, rispetto al corpo da acquisire che à ̈, comunque, in appoggio stabile e solidale sulla succitata base inferiore, a sua volta solidale alla stessa camera di illuminazione. In questo modo à ̈ possibile acquisire immagini ruotate di un identico corpo, senza tuttavia né cambiare le condizioni di illuminazione presenti all’interno della camera né modificare la posizione del corpo né la distanza di questo dai mezzi di acquisizione. Si osservi che, preferibilmente, la rotazione dei mezzi di acquisizione avviene attorno ad un asse sostanzialmente ortogonale alla succitata base inferiore di detta camera di illuminazione, pertanto su un piano sostanzialmente parallelo a detta base inferiore.
In particolare, detti mezzi di rotazione comprendono almeno un primo disco dotato di almeno una prima porzione forata disposta in corrispondenza di detta apertura superiore e vincolato ruotabile, direttamente o indirettamente, a detta camera di illuminazione attorno a detto asse di rotazione. Detti mezzi di acquisizione dell’immagine sono dotati di un obiettivo e sono vincolati, direttamente o indirettamente, solidalmente a detto almeno un primo disco in modo tale che detto obiettivo sia alloggiabile entro detta almeno una prima porzione forata così che l’asse focale di detto obiettivo coincida con l’asse di rotazione di detti mezzi di acquisizione dell’immagine.
In pratica, il primo disco à ̈ ruotato rispetto alla camera di illuminazione, portando in rotazione, conseguentemente, anche i mezzi di acquisizione delle immagini. Inoltre, l’obiettivo dei mezzi di acquisizione trova alloggiamento entro la detta prima porzione forata che à ̈ disposta in corrispondenza del succitato passaggio superiore della camera di illuminazione.
Secondo una ulteriore forma realizzativa dell’invenzione, detti mezzi di rotazione, comprendono, altresì, almeno un secondo disco vincolato solidalmente a detta camera di illuminazione e dotato di almeno una seconda porzione forata disposta in corrispondenza di detta apertura superiore; detto almeno un primo disco à ̈ vincolato ruotabile a detto almeno un secondo disco. In particolare, detto almeno un primo disco e detto almeno un secondo disco sono tra loro coassiali e concentrici.
Inoltre, secondo una forma realizzativa particolare dell’invenzione, detti mezzi di rotazione comprendono almeno una staffa a forcella solidale a detto almeno un primo disco. I mezzi di acquisizione sono vincolati traslabili a detta almeno una staffa a forcella ed ancorabili a detta almeno una staffa in una pluralità di posizioni per variare la distanza tra detto obiettivo e detto almeno un corpo.
Sempre secondo l’invenzione, detti mezzi di rotazione comprendono, inoltre, mezzi per trattenere temporaneamente ed in una pluralità di posizioni angolari distinte detto almeno un primo disco a detta camera di illuminazione, o a detto almeno un secondo disco. Detti mezzi di trattenuta temporanea sono traslabili entro detto almeno un primo disco, o entro detto almeno un secondo disco, o entro detta camera di illuminazione, in almeno due posizione, rispettivamente, di impegno e di disimpegno con una pluralità di sedi ricavate su, rispettivamente, detto almeno un secondo disco, o su detto almeno un primo disco, o su detta camera di illuminazione.
Infine, secondo l’invenzione à ̈ reso disponibile anche un metodo per acquisire una pluralità di immagini superficiali di un corpo mediante un apparato di acquisizione secondo una o più delle rivendicazioni da 1 a 8, comprendente le fasi di: a) predisporre detto almeno un corpo su detta almeno una base inferiore; b) acquisire l’immagine superficiale di detto almeno corpo mediante detti mezzi di acquisizione; caratterizzato dal fatto di comprendere la fase c) di ruotare attorno ad un asse di rotazione, ed in maniera controllata, detti mezzi di acquisizione rispetto a detta camera di illuminazione, e dal fatto che detta fase b) e detta fase c) sono ripetute ciclicamente per acquisire una pluralità di immagini di detto corpo sotto angoli di rotazione distinti. In particolare, durante detta fase c) del metodo detta rotazione reciproca tra detti mezzi di acquisizione e detta camera avviene per angoli predeterminati discreti.
Sempre secondo l’invenzione, detto metodo comprende la fase d) di classificare in un database, per ciascun corpo, detta pluralità di immagini acquisite durante le dette fasi b) e c), sulla base di caratteristiche visive quali colore, texture e/o forma.
Ulteriormente detto metodo comprende la fase e) di confrontare, sulla base di caratteristiche visive quali colore, texture e/o forma e mediante l’applicazione di algoritmi basati sul principio della massima somiglianza, ciascuna immagine di detta pluralità di immagini di detto corpo acquisito durante le dette fasi b) e c) con ciascuna immagine di detta pluralità di immagini di ciascun corpo classificato in detto database, e la fase f) di determinare il corpo del detto database più simile a quello da confrontare.
Questi ed altri aspetti della presente invenzione saranno più evidenti all’esperto del ramo dalla seguente descrizione di una forma di realizzazione preferita della presente invenzione, fornita a titolo esemplificativo e non limitativo, con riferimento alle figure allegate, in cui:
la figura 1 à ̈ uno spaccato, esploso, di un apparato di acquisizione secondo l’invenzione;
la figura 2 à ̈ uno spaccato, assemblato, dell’apparato di acquisizione di figura 1;
la figura 3 à ̈ una sezione longitudinale dell’apparato di figura 1; la figura 4 à ̈ una vista in particolare di parte dei mezzi di rotazione dell’apparato secondo l’invenzione;
la figura 5 à ̈ un diagramma a blocchi del metodo per acquisire una pluralità di immagini di un corpo;
la figura 6 Ã ̈ un ulteriore diagramma a blocchi del metodo per classificare e/o confrontare un corpo.
Tale apparato 1 per acquisire una pluralità di immagini superficiali di un corpo 2 comprende mezzi 3 ottici per l’acquisizione di detta pluralità di immagini superficiali di detto corpo 2 ed una camera di illuminazione 4 a forma di cupola, dotata di una base inferiore 5 per sostenere solidalmente in appoggio detto corpo 2 entro detta camera di illuminazione 4 e di una apertura superiore 6 per alloggiare, almeno in parte, detti mezzi di acquisizione 3 di detta pluralità di immagini. Si osservi che detta base inferiore 5, durante il funzionamento dell’apparato 1, à ̈ solidale alla camera di illuminazione 4 e presenta un incavo di centraggio 40 per detto corpo 2.
In particolare, detta camera di illuminazione 4 presenta un illuminatore circolare 30 posto alla base 4a della camera di illuminazione 4 ed in grado di indurre una illuminazione diffusa ed uniforme all’interno della camera 4. Tale apparato 1 comprende, inoltre, mezzi 7 per ruotare attorno ad un asse di rotazione X, ed in maniera controllata, detti mezzi di acquisizione 3 rispetto a detta camera di illuminazione 4. Si osservi che i mezzi di acquisizione 3 comprendono, nello specifico, una telecamera industriale digitale. Inoltre, l’asse X à ̈ posto ortogonalmente alla succitata base inferiore 5 su cui à ̈ appoggiato detto corpo 2 che, preferibilmente, à ̈ un elemento di rivestimento del tipo, ad esempio, una mattonella in granito, marmo o pietra naturale. Si noti che, come già precedentemente osservato, sebbene qui si farà riferimento ad un elemento di rivestimento, tuttavia un qualsiasi altro corpo che abbia caratteristiche visive distintive, può essere acquisito mediante l’apparato 1. Inoltre, va osservato che, sebbene fin qui si sia discusso del solo impiego di una telecamera industriale digitale, tuttavia una macchina fotocamera digitale o analogica, può equivalentemente essere impiegata, così pure altri mezzi di acquisizione e misura quali, ad esempio, una telecamera multispettrale, uno spettrofotometro, uno spettroradiometro, un colorimetro e simili, senza uscire dall’ambito di tutela della presente invenzione.
Inoltre detti mezzi di acquisizione 3 sono collegati ad una unità di elaborazione dati (qui non mostrata) per l’acquisizione delle immagini ruotate e per l’elaborazioni di esse durante le fasi di classificazione e/o confronto, come più sotto verrà spiegato.
Secondo la forma realizzativa rappresentata nelle figure da 1 a 4, detti mezzi di rotazione 7 comprendono un primo disco 8 dotato di una prima porzione forata 8a disposta in corrispondenza di detta apertura superiore 6 e vincolato ruotabile, indirettamente, a detta camera di illuminazione 4, attorno a detto asse di rotazione X. I succitati mezzi di acquisizione dell’immagine 3 sono dotati di un obiettivo 3a e sono solidalmente vincolati, indirettamente, a detto primo disco 8 in modo tale che detto obiettivo 3a sia alloggiabile entro detta prima porzione forata 8a e che l’asse focale Y di detto obiettivo 3a coincida con l’asse X di rotazione di detti mezzi di acquisizione 3 dell’immagine. In questo modo detto primo disco 8 viene fatto ruotare rispetto alla detta camera di illuminazione 4 e, dunque, rispetto a detto corpo 2, portando in rotazione con sé anche detti mezzi di acquisizione dell’immagine 3. Ancora più nel dettaglio, i mezzi di rotazione 7 comprendono, altresì, un secondo disco 9 vincolato solidalmente a detta camera di illuminazione 4 e dotato di una seconda porzione forata 9a disposta in corrispondenza di detta apertura superiore 6. In sostanza, detto primo disco 8 risulta vincolato ruotabile direttamente a detto secondo disco 9. Preferibilmente, detto primo disco 8 e detto secondo disco 9 sono tra loro coassiali e concentrici ed, inoltre, detto passaggio superiore 6 ha forma circolare à ̈ coassiale a detta prima 8a e a detta seconda 9a porzione forata. Come osservabile in figura 4, la porzione forata 8a di detto primo disco si inserisce, preferibilmente con leggera interferenza, esternamente alla protrusione centrale 9b circolare presente sul secondo disco 9 in modo tale comunque che detto primo disco 8 sia vincolato ruotabile rispetto a detto secondo disco 9. Ulteriormente, sebbene non mostrato nelle figure allegate, detto secondo disco 9 comprende una ulteriore protrusione circolare opposta alla succitata protrusione centrale 9b e tale da permettere un collegamento per interferenza tra il secondo disco 9 e la camera di illuminazione 4, proprio in corrispondenza della detta apertura superiore 6. L’accoppiamento per interferenza tra detto secondo disco 9 e detta camera di illuminazione 4 à ̈ realizzato in modo tale che detto secondo disco 9 non risulti essere ruotabile rispetto a detta camera di illuminazione 4.
Si osservi che, sebbene la forma realizzativa qui descritta dell’apparato 1 preveda che i mezzi di rotazione 7 comprendano un primo 8 ed un secondo 9 disco, tuttavia una forma realizzativa dell’apparato 1 in cui i mezzi di rotazione 7 comprendano unicamente un primo disco 8 ruotabile direttamente rispetto a detta camera di illuminazione 4 rientra ancora nell’ambito di tutela della presente invenzione.
Secondo un aspetto particolare dell’invenzione, detti mezzi di rotazione 7 comprendono una staffa 10 a forcella vincolata solidale a detto primo disco 8 e rispetto alla quale detti mezzi di acquisizione 3 sono vincolati traslabili ed ancorabili in una pluralità di posizioni, per variare la distanza tra detto obiettivo 3a e detta base inferiore 5 e, dunque, detto corpo 2. In tale modo à ̈ reso estremamente facile modificare la posizione della telecamera industriale digitale 3 pur consentendole, comunque, di essere ruotabile rispetto alla stessa camera di illuminazione 4. Va notato che la traslazione di detti mezzi di rotazione 7 rispetto a detta staffa 10 avviene lungo l’asse di rotazione X mentre il bloccaggio alla staffa 10 può essere ottenuto mediante una opportuna vite avvitabile alla fotocamera e tale da lasciare la staffa frapposta tra la testa della vite e la fotocamera stessa.
Ancora, detti mezzi di rotazione 7 comprendono, inoltre, mezzi 10 per trattenere temporaneamente ed in una pluralità di posizioni angolari distinte detto primo disco 8 a detto secondo disco 9. In particolare, detti mezzi di trattenuta 10 temporanea sono traslabili entro un foro 80 di detto primo disco 8 in almeno due posizione, rispettivamente, di impegno e di disimpegno con una pluralità di sedi 20 ricavate su detto secondo disco 9, in corrispondenza di detta protrusione 9b. In questo modo la protrusione 9b del secondo disco 9 assume esternamente forma di profilo dentato. Tali mezzi di trattenuta 10 comprendono almeno un elemento di pressione 11 che viene trattenuto nella sua posizione di impegno da un elemento elastico 12. Ogni qualvolta il detto primo disco 8 viene ruotato rispetto a detto secondo disco 9 il pistone viene sospinto dalla porzione circonferenziale sporgente 9c compresa tra due sedi consecutive di detta pluralità di sedi 20 nella sua posizione di disimpegno. Si osservi che detta porzione circonferenziale sporgente 9c, così come detta pluralità di sedi 20, sono disposte sulla superficie esterna di detta protrusione 9b di detto secondo disco 9. Oltrepassata tale porzione circonferenziale sporgente 9c, sempre durante la rotazione di detto primo disco 8 rispetto a detto secondo disco 9, il pistone 11 viene spinto dal succitato elemento elastico 12 nella sua posizione di impegno entro una delle sedi di detta pluralità di sedi 20. Le sedi 20 sono, dunque, disposte a distanze angolari discrete. Ad esempio, come mostrato nelle figure allegate, le sedi sono disposte a circa 10 gradi le une dalle altre, tuttavia una forma realizzativa alternativa in cui le sedi 20 siano disposte ad angoli distinti diversi, o uguali, ma superiori, o inferiori, a 10 gradi, rientra comunque nell’ambito di tutela della presente invenzione.
L’invenzione rende disponibile anche un metodo per acquisire una pluralità di immagini superficiali di un corpo 2 mediante un apparato di acquisizione 1 come descritto più sopra e, comunque, secondo una o più delle rivendicazioni da 1 a 8. Le figure 5 e 6 mostrano le diverse fasi del metodo qui in basso descritto. In particolare, tale metodo di acquisizione comprende le fasi di: a) predisporre detto corpo 2 su detta base inferiore 5; b) acquisire l’immagine superficiale di detto corpo 2 mediante detti mezzi di acquisizione 3; e c) di ruotare attorno ad un asse di rotazione X, ed in maniera controllata, detti mezzi di acquisizione 3 rispetto a detta camera di illuminazione 4. Inoltre detta fase b) e detta fase c) sono ripetute ciclicamente per acquisire una pluralità di immagini di detto corpo 2 per angoli di rotazione distinti. In pratica, per ogni angolo di rotazione tra i detti mezzi di acquisizione 3 e la camera di illuminazione 4 e, dunque, il corpo 2, viene acquisita un’immagine del corpo 2 stesso. In tal modo, a completamento delle dette fasi b) e c), si avrà a disposizione, per ogni corpo 2 acquisito, una pluralità di immagini dello stesso corpo 2 ad angoli distinti. Preferibilmente, detta rotazione reciproca tra detti mezzi di acquisizione 3 e detta camera di illuminazione 4 avviene per angoli predeterminati discreti.
Secondo l’invenzione, il metodo comprende la fase d) di classificare in un database, per ciascun corpo 2 predisposto durante la detta fase a) del metodo, detta pluralità di immagini acquisite durante le dette fasi b) e c), sulla base di caratteristiche visive scelte dall’utilizzatore, vale a dire o in base alla forma o alla texture o al tipo di materiale di cui à ̈ fatto il corpo o ad una combinazione delle caratteristiche sopra menzionate. Successivamente detto metodo comprende anche la fase e) di confrontare ciascuna immagine di detta pluralità di immagini di un corpo 2 acquisita durante le dette fasi b) e c) con ciascuna immagine della pluralità di immagini di ciascun corpo classificato in detto database durante la detta fase d), anch’essa ottenuta per angolo di rotazione distinti. Il confronto con ciascuna immagine viene svolto secondo il criterio di massima somiglianza adottando algoritmi noti che si basano su colore e/o forma e/o texture. Alcuni esempi di tali algoritmi sono descritti in O.A.B. Penatti, E. Vallea, and R. da S. Torres; “Comparative study of global color and texture descriptors for web image retrieval†(Journal Visual Communication and Image Representation, 23(2), 359-380, 2012); L Wei, E. Keogh, X. Xi and S.-H Lee; “Supporting anthropological research with efficient rotation invariant shape similarity measurement†(Journal of the Royal Society Interface 4(13), 207–222, 2011); F. Bianconi, R. Harvey, P. Southam and A. Fernández; “Theoretical and experimental comparison of different approaches for color texture classification†(Journal of Electronic Imaging, 20(4), 043006, 2011); D. Zhang and G. Lu; “Review of shape representation and description techniques†(Pattern Recognition 37(1), 1-19, 2004).
Al termine della succitata fase di confronto e), e sulla base della/e specifica/che caratteristica/che visiva/e di confronto assegnata/e, dall’unità di elaborazione viene stabilito il corpo del database che più si avvicina a quello sottoposto ad analisi. In pratica il metodo comprende, dunque, la fase f) di determinare il corpo del detto database più simile a quello da confrontare durante la detta fase e).

Claims (11)

  1. RIVENDICAZIONI 1. Apparato (1) per acquisire una pluralità di immagini superficiali di almeno un corpo (2), comprendente mezzi (3) ottici per l’acquisizione di detta pluralità di immagini superficiali di detto almeno un corpo ed una camera di illuminazione (4) a forma di cupola, dotata di almeno una base inferiore (5) per sostenere solidalmente in appoggio detto almeno un corpo entro detta camera di illuminazione e di almeno una apertura superiore (6) per alloggiare, almeno in parte, detti mezzi di acquisizione di detta pluralità di immagini, caratterizzato dal fatto di comprendere mezzi (7) per ruotare attorno ad un asse di rotazione (X), ed in maniera controllata, detti mezzi di acquisizione (3) rispetto a detta camera di illuminazione.
  2. 2. Apparato secondo la rivendicazione 1, caratterizzato dal fatto che detti mezzi di rotazione comprendono almeno un primo disco (8) dotato di almeno una prima porzione forata (8a) disposta in corrispondenza di detta almeno una apertura superiore (6) e vincolato ruotabile, direttamente o indirettamente, a detta camera di illuminazione attorno a detto asse di rotazione (X), detti mezzi di acquisizione dell’immagine (3) essendo dotati di un obiettivo (3a) ed essendo vincolati, direttamente o indirettamente, solidalmente a detto almeno un primo disco (8) in modo tale che detto obiettivo sia alloggiabile entro detta prima porzione forata (8a) e che l’asse focale (Y) di detto obiettivo coincida con l’asse (X) di rotazione di detti mezzi di acquisizione dell’immagine.
  3. 3. Apparato secondo la rivendicazione 2, caratterizzato dal fatto che detti mezzi di rotazione (7), comprendono, altresì, almeno un secondo disco (9) vincolato solidalmente a detta camera di illuminazione e dotato di almeno una seconda porzione forata (9a) disposta in corrispondenza di detta almeno una apertura superiore (6), detto almeno un primo disco (8) essendo vincolato ruotabile a detto almeno un secondo disco (9).
  4. 4. Apparato secondo la rivendicazione 3, caratterizzato dal fatto che detto almeno un primo disco (8) e detto almeno un secondo disco (9) sono tra loro coassiali e concentrici.
  5. 5. Apparato secondo una o più delle rivendicazioni da 2 a 4, caratterizzato dal fatto che detti mezzi di rotazione comprendono almeno una staffa (10) a forcella solidale a detto almeno un primo disco (8), detti mezzi di acquisizione (3) essendo vincolati traslabili a detta almeno una staffa a forcella (10) ed ancorabili a detta almeno una staffa in una pluralità di posizioni, per variare la distanza tra detto obiettivo e detta almeno una base.
  6. 6. Apparato secondo una o più delle rivendicazioni da 2 a 5, caratterizzato dal fatto che detti mezzi di rotazione (7) comprendono, inoltre, mezzi (10) per trattenere temporaneamente ed in una pluralità di posizioni angolari distinte detto almeno un primo disco a detta camera di illuminazione (4), o a detto almeno un secondo disco (9).
  7. 7. Apparato secondo la rivendicazione 6, caratterizzato dal fatto che detti mezzi di trattenuta temporanea sono traslabili entro detto almeno un primo disco, o entro detto almeno un secondo disco, o entro detta camera di illuminazione, in almeno due posizione, rispettivamente, di impegno e di disimpegno con una pluralità di sedi ricavate su, rispettivamente, detto almeno un secondo disco, o su detto almeno un primo disco, o su detta camera di illuminazione.
  8. 8. Apparato secondo una o più delle rivendicazioni precedenti, caratterizzato dal fatto che detti mezzi di acquisizione ottici dell’immagine comprendono almeno una fotocamera digitale e/o analogica, o una telecamera industriale digitale, o una telecamere multispettrale, o uno spettrofotometro, o uno spettroradiometro, o colorimetro o simili.
  9. 9. Metodo per acquisire una pluralità di immagini superficiali di un corpo mediante un apparato di acquisizione secondo una o più delle rivendicazioni da 1 a 8, comprendente le fasi di: a) predisporre detto almeno un corpo su detta almeno una base inferiore; b) acquisire l’immagine superficiale di detto almeno un corpo mediante detti mezzi di acquisizione (3); caratterizzato dal fatto di comprendere la fase c) di ruotare attorno ad un asse di rotazione (X), ed in maniera controllata, detti mezzi di acquisizione rispetto a detta camera di illuminazione, e dal fatto che detta fase b) e detta fase c) sono ripetute ciclicamente per acquisire una pluralità di immagini di detto corpo per angoli di rotazione distinti.
  10. 10. Metodo secondo la rivendicazione 9, caratterizzato dal fatto di comprendere la fase d) di classificare in un database, per ciascun corpo, detta pluralità di immagini acquisite durante le dette fasi b) e c) sulla base di una o più caratteristiche visive quali colore, texture e forma o di una loro combinazione.
  11. 11. Metodo secondo la rivendicazione 10, caratterizzato dal fatto di comprendere la fase e) di confrontare, sulla base di caratteristiche visive quali colore, texture e forma o di una loro combinazione e mediante l’applicazione di algoritmi basati sul principio della massima somiglianza ciascuna immagine di detta pluralità di immagini di detto corpo acquisito durante le dette fasi b) e c) con ciascuna immagine di detta pluralità di immagini di ciascun corpo precedentemente memorizzate e classificate in detto database, e la fase f) di identificare il corpo del detto database più simile a quello da confrontare.
IT001299A 2012-07-25 2012-07-25 Apparato per acquisire una pluralita' di immagini superficiali di almeno un corpo e relativo metodo ITMI20121299A1 (it)

Priority Applications (1)

Application Number Priority Date Filing Date Title
IT001299A ITMI20121299A1 (it) 2012-07-25 2012-07-25 Apparato per acquisire una pluralita' di immagini superficiali di almeno un corpo e relativo metodo

Applications Claiming Priority (1)

Application Number Priority Date Filing Date Title
IT001299A ITMI20121299A1 (it) 2012-07-25 2012-07-25 Apparato per acquisire una pluralita' di immagini superficiali di almeno un corpo e relativo metodo

Publications (1)

Publication Number Publication Date
ITMI20121299A1 true ITMI20121299A1 (it) 2014-01-26

Family

ID=46845864

Family Applications (1)

Application Number Title Priority Date Filing Date
IT001299A ITMI20121299A1 (it) 2012-07-25 2012-07-25 Apparato per acquisire una pluralita' di immagini superficiali di almeno un corpo e relativo metodo

Country Status (1)

Country Link
IT (1) ITMI20121299A1 (it)

Citations (4)

* Cited by examiner, † Cited by third party
Publication number Priority date Publication date Assignee Title
JPH08334469A (ja) * 1995-06-09 1996-12-17 Lion Eng Kk 錠剤等包装品検査装置
EP1637868A1 (en) * 2003-06-12 2006-03-22 Nippon Light Metal Company Ltd. Impurity measuring method and device
JP2009115613A (ja) * 2007-11-06 2009-05-28 Hitachi High-Tech Control Systems Corp 異物検査装置
WO2011055397A1 (en) * 2009-11-04 2011-05-12 Sacmi Cooperativa Meccanici Imola- Societa' Cooperativa Apparatus, system and method for detecting defects of metallic lids

Patent Citations (4)

* Cited by examiner, † Cited by third party
Publication number Priority date Publication date Assignee Title
JPH08334469A (ja) * 1995-06-09 1996-12-17 Lion Eng Kk 錠剤等包装品検査装置
EP1637868A1 (en) * 2003-06-12 2006-03-22 Nippon Light Metal Company Ltd. Impurity measuring method and device
JP2009115613A (ja) * 2007-11-06 2009-05-28 Hitachi High-Tech Control Systems Corp 異物検査装置
WO2011055397A1 (en) * 2009-11-04 2011-05-12 Sacmi Cooperativa Meccanici Imola- Societa' Cooperativa Apparatus, system and method for detecting defects of metallic lids

Similar Documents

Publication Publication Date Title
US20210148997A1 (en) Cable Inspection Apparatus
Elkhuizen et al. Comparison of three 3D scanning techniques for paintings, as applied to Vermeer’s ‘Girl with a Pearl Earring’
JP2008541989A5 (it)
WO2005077135A3 (en) Method and appartus for high speed thickness mapping of patterned thin films
ITVR20130226A1 (it) Linea di decorazione
MY196634A (en) Method and System for Optical Three-Dimensional Topography Measurement
Idà et al. A deployable cable-driven parallel robot with large rotational capabilities for laser-scanning applications
US10697857B2 (en) Method and apparatus for checking tyres in a production line
EP3164720B1 (en) System and method of performing scanning probe microscopy on a substrate surface
ITMI20121299A1 (it) Apparato per acquisire una pluralita' di immagini superficiali di almeno un corpo e relativo metodo
EP3092436B1 (en) Stop mechanism for a rotary device
KR20160143658A (ko) 광 방사원의 적어도 하나의 측광 또는 방사 측정 특성량의 방향 의존성 측정을 위한 방법 및 고니오라디오미터
IT201600082297A1 (it) Dispositivo per il controllo di qualità in continuo di contenitori
US20160266363A1 (en) Tomography Accessory Device for Microscopes
WO2006014263A3 (en) Method and apparatus for high-speed thickness mapping of patterned thin films
US20160084706A1 (en) Tool for positioning a scanning device
CN204901536U (zh) 一种入射角可调节的光源
US20130201493A1 (en) Coating dimension measuring apparatus
US20190243219A1 (en) Imaging Apparatus
IT202100015962A1 (it) Sistema di ispezione rapida di una serie di dispositivi di fissaggio tramite un apparato di visione laterale multicamera e procedimento di ispezione rapida tramite tecniche di visione artificiale
IT202000026963A1 (it) Apparato per illuminare oggetti
JP2015224940A5 (ja) 計測装置、リソグラフィ装置、物品の製造方法、及び計測方法
CN107339930A (zh) 一种平板的平面度检测机构
IT201600099673A1 (it) Dispositivo di controllo della curvatura assiale di pezzi allungati
NO985759D0 (no) FremgangsmÕte for karakterisering av bilder som er dannet av et komplekst milj° slik som undergrunnen